Coprire la vitiligine: 3 segreti per renderla invisibile

Coprire la vitiligine: 3 segreti per renderla invisibilecoprire-la-vitiligine-3-segreti-per-renderla-invisibile

La vitiligine è una condizione relativamente comune della pelle che si verifica quando i melanociti – le cellule del pigmento – vengono distrutte e la pelle diventa bianca.

Questa condizione della pelle è relativamente comune e colpisce tra l’uno e il due per cento della popolazione. Ad oggi non ci sono delle cure specifiche per la vitiligine. Ci sono molti trattamenti a base farmacologica o fototerapica che su alcune persone possono funzionare.

Ma, in vista dell’estate, chi soffre di vitiligine si ritrova a fare i conti con una pelle, spesso del viso e delle mani, fortemente macchiata.

La vitiligine non è contagiosa ma chi non conosce questa malattia si ritrova ad allontanarsi da chi ne soffre per paura di contagiarsi.

La vitiligine invece NON è contagiosa.Coprire la vitiligine: 3 segreti per renderla invisibile

Ma non potendo girare con un cartellone che spiega cosa è la vitiligine ed il fatto che è innocua come malattia la cosa migliore è….nasconderla.

Oggi ci sono prodotti di make up che fanno miracoli e che oltre a camuffare le fastidiose e brutte macchie bianche della vitiligine proteggono anche la pelle colpita dai raggi ultravioletti. Inoltre vi sono tecniche poco invasive che possono coprire le macchie vitiligine n modo permanente.

La cura della Vitiligine
LA MODELLA CON LA VITILIGINE WINNIE HARLOW È DIVENTATA UNA STAR FASHION MONDIALE

Coprire la vitiligine: 3 segreti per renderla invisibile

1- I cosmetici che nascondono la pelle colpita da vitiligine e quindi bianca ridurranno la differenza di cromia della pelle fra le parti colpite e quelle sane. E’ necessario però eseguire un metodo a prova di errore per trovare la copertura più adatta per il colore della propria pelle in modo che la vitiligine non sia visibile così facilmente.

La procedura è semplice, è meglio preferire i prodotti in vendita nelle farmacie di case affidabili dal punto di vista della salute della pelle. Chiedere di un fondotinta coprente specifico per pelli con la vitiligine e testare il colore all’interno del polso. Si deve avvicinare il più possibile al colore della vostra pelle al fine di non fare “macchia”. In estate sarebbe meglio chiedere lo stesso prodotto con filtri UV e resistente all’acqua.

Coprire la vitiligine

2- Autoabbronzanti possono aiutare a nascondere le chiazze di colore chiaro della pelle con la vitiligine diminuendo la differenza con le aree normalmente pigmentate.

3- Il trucco permamente o micropigmentazione – di fatto è un tatuaggio che va a coprire la parte della pelle depigmentata con il colore della propria pelle delle areee normalmente pigmentate. Questo passaggio va fatto in inverno, perché il colore della pelle da prendere come unità di misura deve essere quello invernale e non quello abbronzato d’estate. Il rischio infatti è che se si tatua la pelle bianca con il colore della propria pelle abbronzata poi l’inverno le macchie di vitiligine tatuate appaiono più scure. Con la micropigmentazione si effettua un vero e proprio camouflage, con inserimento di diversi pigmenti color pelle nel primo strato del derma, al fine di coprire la zona ipopigmentata. E’ importante risalire alla causa dell’ipocromia, e capire se i melanociti sono presenti ma inerti oppure se la vitiligine è dovuta alla totale assenza di melanociti, questo perche il needling effettuato sopra la zona potrebbe stimolare nuovamente la produzione di melanina da parte delle cellule dormienti e quindi si creerebbero delle zone un po’ piu scure. Se invece c’è una totale assenza di melanociti i risultati ottenuti con la micropigmentazione sono piu che buoni. Il trattamento consiste in un colloquio iniziale con un test di colore per decidere al meglio la tonalità giusta. poi dopo un mese e mezzo ci rivediamo ed effettuiamo la micropigmentazione. Due sedute per solito sono necessarie a volte anche di più dipende da quando estesa è l’area da trattare.tra una seduta e l’altra devono passare almeno 45 giorni. I risultati sono buoni soprattutto grazie ad una nuova tecnica duratura e poco invasiva.  E’ consigliato un ritocco annuale.

La cura della VitiligineCoprire la vitiligine

Articolo scritto da Redazione PinkItalia