Trasformare un’idea in un progetto d’impresa: da dove partire?

Trasformare un’idea in un progetto d’impresa: da dove partire?Trasformare un’idea in un progetto d’impresa

Quando si domanda ad un imprenditrice di successo cosa abbia ispirato il suo progetto d’impresa, si comprende come spesso, tutto sia partito da una passione, da un interesse personale trasformato in lavoro.

Fate un primo bilancio dell’esperienza maturata sul campo e delle conoscenze acquisite. Osservate con attenzione il vostro ruolo professionale, le attività o i prodotti/servizi che contribuite a realizzare.

Se siete alla ricerca di un lavoro, concentratevi sulle caratteristiche che vi distinguono dagli altri, su cosa vi piace fare, sugli interessi che orientano le vostre scelte.

Una buona idea d’impresa, come succede spesso, può essere coltivata a partire dalle proprie inclinazioni e dal proprio talento. E allora:

Conosci te stessa

Valutate le vostre attitudini imprenditoriali. Il mestiere dell’imprenditrice si può imparare, tuttavia resta fondamentale conoscersi a fondo, sia in riferimento alla propria personalità imprenditoriale (e dunque alle capacità di risolvere i problemi con creatività, gestire lo stress, accettare il rischio d’impresa…), che dal punto di vista gestionale e organizzativo. Individuate i punti di forza e le aree di miglioramento corrispondenti al vostro profilo, e impegnatevi a lavorare nelle rispettive direzioni: valorizzare le prime e potenziare le seconde.

Trasformare un’idea in un progetto d’impresa4

Conosci gli altri

E’ arrivato il momento di reperire quante più informazioni possibili sulla concorrenza. Individuate le attività presenti nel vostro settore di riferimento. In prima battuta può essere sufficiente investire un po’ di tempo in un web surfing mirato. Sarà utile per raccogliere le notizie di cui si ha bisogno. Se trovate idee simili alla vostra, informatevi sulla loro capacità economica e di business, attraverso la consultazione di banche dati o pubblicazioni specializzate. Se invece non trovate attività affini al vostro progetto, indagatene le ragioni. Magari, semplicemente, siete pioniere in quel campo. Molti progetti imprenditoriali, benché accurati ed appassionati sono falliti per mancanza di informazioni iniziali o di aggiornamento delle stesse. Ricordatevi che non conta tanto l’originalità di un’idea, quanto la sua realizzabilità e la capacità di incontrare l’esigenza di un target specifico.

Misura la sostenibilità del progetto

Il valore di un’idea – suggeriva Thomas Alva Edison – sta nel metterla in pratica. In questa prospettiva, la strada più semplice non sempre si rivela la più efficace. Costruite sin dall’inizio un piano di sostenibilità del progetto che tenga conto di tutti i costi da sostenere, diretti ed indiretti: materie prime, certificazioni, qualifiche, tecnologie, aggiornamenti, collaboratori ed anche consulenti, tributi, adeguamenti, costo del denaro, disallineamento dei tempi tra produzione /erogazione e compensi, ecc. ecc…Effettuare un’attenta analisi di fattibilità vi aiuterà a correggere il tiro laddove necessario.

Trasformare un’idea in un progetto d’impresa1

Armatevi di senso critico e investite le vostre energie in progetti in cui credete fortemente. Interrogatevi sulle motivazioni che vi spingono a trasformare un’idea in un attività d’impresa, che porterà realizzazione e gratificazione professionale e personale. Lo stimolo a mettere in pratica i vostri propositi sarà più forte, quanto più elevate saranno le vostre motivazioni.

Buon lavoro a tutte!

Articolo scritto da Redazione PinkItalia