notte delle stelle cadenti esprimi un desiderio!

notte delle stelle cadenti esprimi un desiderio!

notte delle stelle cadenti esprimi un desiderio!

Pronta per esprimere un desiderio?

Il momento giusto è la notte delle stelle cadenti meglio conosciuta come notte di San Lorenzo che cade ogni anno il 10 agosto.

Le stelle cadenti hanno da sempre suscitato emozioni ed ispirato leggende: si dice che se si esprime un desiderio vedendo la stella che traccia una scia nel cielo scuro della notte, questo si avvererà.

L’appuntamento magico che ci offre il cielo, è la pioggia meteorica delle Perseidi, più nota come “le lacrime di San Lorenzo”.

Romantici e appassionati astrofili siete avvisati: quest’anno le popolari Lacrime di San Lorenzo, si mostreranno con sorprendente intensità tra il 12 e il 13 agosto.

LA TRADIZIONE DELLA NOTTE DELLE STELLE CADENTI

La tradizione collega il fenomeno al martirio di San Lorenzo, che secondo la tradizione arse sulla graticola nel 258, la cui ricorrenza si celebra proprio il 10 agosto e da cui deriva il nome popolare dello sciame; tuttavia, esso è attivo per molti giorni intorno al vero picco di visibilità, che cade al giorno d’oggi tra il 12 e 13 agosto. Al massimo si possono osservare mediamente fino a 100 meteore per ora, a patto di osservare nella seconda parte della notte.

LA SPIEGAZIONE DEL FENOMENO

Lo sciame delle Perseidi è originato dalla cometa Swift-Tuttle. Il fenomeno, spiega l’astrofisico Gianluca masi, astrofisico e responsabile del Virtual Telescope, “si verifica proprio quando la Terra passa in prossimità dell’incrocio tra la sua orbita e quella della cometa in questione, ‘tuffandosi’ così nella nube di polveri seminata da quest’ultima lungo il proprio percorso attorno al Sole. Questi grani di polvere, penetrando a gran velocità nell’atmosfera terrestre, bruciano per attrito, lasciando così nel cielo la caratteristica scia. Questo svela perciò che a ‘cadere’ non sono affatto le stelle, piuttosto le briciole della cometa”.

Una spiegazione Più romantica è quella data dallo studioso Fabrizio Caramagna, che si chiede “che cosa manca alla vita quando in una notte d’estate l’alito delle stelle apre le finestre e vi butta dentro il profumo del mare”. O di Confucio, che definisce le stelle “buchi nel cielo da cui filtra la luce dell’infinito”.

Alla “Notte di San Lorenzo” sono dedicate anche delle canzoni, come quella del cantautore Franco Simone, Leone d’oro alla carriera nel 2003.

QUANDO E DOVE OSSERVARE LE STELLE

Quest’anno le circostanze non saranno ideali, come spiega Masi, in parte anche per “colpa” della luna piena del 7 agosto. Nei prossimi giorni il satellite sorgerà infatti nelle ultime ore della notte, quelle cruciali per l’osservazione delle meteore. Il picco di stelle cadenti è previsto nella notte tra il 12 e il 13 agosto, fino alle 4.30, e anche se la Luna sarà ancora ingombrante si potranno comunque ammirare le stelle più brillanti.

Dove osservare le stelle cadenti?

Le osservazioni vanno condotte da un luogo buio, poiché la luce artificiale abbatte drasticamente il numero di meteore visibili. Non sono necessari telescopi o altri dispositivi, poiché l’occhio nudo è senza dubbio ideale per cogliere il guizzo improvviso di tali scie luminose, grazie alla visione panoramica naturale.

notte delle stelle cadenti esprimi un desiderio!

Articolo scritto da Redazione PinkItalia